Associazione

Bellavista Viva

Olivetticostituzione

 
CLW

cri spesa

webinarIncontriamoci sul WEB

ccimm

libri

Segnalati dall'Associazione



        locandina sportello disleporedia 2020 2021 EMERGENZA page 0001 

Sportello di consulenza gratuita dei

disturbi specifici dell'apprendimento


 

Aiutiamo la Croce Rossa ad aiutare


 locandina sportello disleporedia 2020 2021 1 page 0001

Disleporedia

 


     Manifesto AFA Bellavista def. 1

           Attività fisica adattata             


 

    SPORTELLO TELEFONICO DI ASCOLTO page 0001

Sportello telefonico di ascolto

 


condivisione wifi 1

Condividi il tuo WI-FI,con le persone che

non possono permetterselo. 


sos genitori Sos genitori


Storia di un coronavirus per Bambini page 0001 

Storia di un coronavirus(per i più piccoli


Locandina portierato sociale

Servizio online di portierato sociale

 


5x1000 ass. bell viva 2

 5X1000 Associazione Bellavista Viva-odv.

 

 

 

 

 

 

bandiera italiana 2

21donne def

 Il 2 giugno 1946 il Referendum popolare decreta la nascita della Repubblica Italiana e dell'Assemblea Costituente, chiamata a cambiare le sorti del nostro Paese. Per la prima volta le Donne italiane possono esprimersi e lo faranno in tantissime (l'89 per cento). Di queste donne che, come Carla Vasio, classe 1923 individuarono in quel voto il riconoscimento del "diritto all'autonomia di pensiero e di cultura", 21 entrarono a far parte dell'Assemblea Costituente. Dal lavoro di quell'Assemblea nacque la Costituzione Italiana, la più bella del mondo. I suoi principi furono pensati per sancire i diritti dei cittadini: libertà, democrazia, lavoro, salute, istruzione. Diritti che sono tutelati dal rispetto dei doveri che attiene principalmente alla classe politica, chiamata sempre, in ogni tempo e in ogni situazione, ad agire per il bene dei cittadini, perseguendo le azioni che migliorino la vita e i rapporti sociali ed economici, non perdendo mai di vista la verità, la giustizia, la solidarietà senza le quali nessuna società può dirsi veramente civile.

Per questo il 2 giugno non è soltanto una "festa", un pretesto per esibizionismi e protagonismi privi di valore e di vero rispetto per la democrazia. Deve essere un momento di riflessione profonda per la meravigliosa eredità che quelle Donne e quegli Uomini ci hanno lasciato, un tesoro che stiamo rischiando di non saper custodire.

Nella foto: gli occhi delle 21 Donne, Madri costituenti; gli occhi, perchè le Donne hanno uno sguardo diverso su tutte le cose; lo sguardo delle Donne vede oltre ciò che vedono gli occhi; è lo sguardo dell'anima.

l'Associazione

Tutti gli articoli