Associazione

Bellavista Viva

Olivetti

cartelloC

libri

ccimm

pascal foto


Segnalati dall'Associazione

 


      popolo curdo

A fianco del popolo Curdo


     concerto 50 chiaverano page 0001

Il Coro di Chiaverano


Locandina gruppo di cammino mamma bambino Ivrea page 0001 

Locandina gruppo di cammino mamma bambino Ivrea

 


5x1000 ass. bell viva 2

 

5X1000 Associazione Bellavista Viva-odv.



logo picc
 
ASSOCIAZIONE BELLAVISTA VIVA
ORIGINI, VALORI E FINALITÀ
 
 
L’Associazione Bellavista Viva nasce nell’ottobre 2012, è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario, non persegue finalità di lucro. E' costituita con sede legale a Ivrea, in via Papa Giovanni XXIII  n° 78, è iscritta dall’origine all’Albo delle Associazioni del Comune di Ivrea. Dal 6 marzo 2014, ai sensi della Legge 266/1991, l’Associazione Bellavista Viva, siglabile “A.B.VI.”, risulta anche iscritta alla sezione Provincia di Torino del Registro regionale delle Organizzazioni di volontariato, sezione impegno civile e tutela e promozione dei diritti: questo passaggio ha comportato la modifica dello Statuto e una nuova serie di adempimenti gestionali amministrativi.
L'Associazione è apartitica, aconfessionale, a struttura democratica e senza scopo di lucro.
Essa opera al fine di migliorare la coesione e la qualità della vita sociale nel Quartiere Bellavista di Ivrea, uno dei complessi residenziali nati, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, come risposta abitativa per i dipendenti della fabbrica Olivetti.
Il quartiere ha subito negli ultimi anni una lenta esclusione territoriale e sociale rispetto al centro. La popolazione è composta da quasi un terzo di ultra 65enni, con bisogni legati all'abitare (la stragrande maggioranza degli immobili non è dotata di ascensori, con  barriere architettoniche e soluzioni inadeguate anche all'interno degli alloggi), alla dotazione di servizi nonché al problema della solitudine. In alcune case popolari, dove trovano collocazione anche nuclei familiari multiproblematici, si rilevano le situazioni più gravi di degrado ambientale e sociale.
L'Associazione in questo quadro si propone di sviluppare sul territorio, in sinergia con attori pubblici e privati e del terzo settore, le attività di volontariato per il miglioramento del rapporto intergenerazionale e dell’integrazione tra i cittadini, promuovendone l’autorganizzazione e il mutuo aiuto, per la difesa dell’ambiente, per la promozione della legalità, per la tutela e diffusione dei diritti, per rappresentare gli interessi collettivi o diffusi della popolazione nei confronti dell'Amministrazione Comunale.
Per la realizzazione degli scopi sopracitati e nell'intento di agire a favore di tutta la collettività, l'Associazione si propone di sviluppare:
  • attività di rappresentanza civica presso gli enti territoriali, a cui far pervenire le voci dei residenti su problematiche di grande portata (risparmio energetico, domotica, raccolta differenziata dei rifiuti, salute, trasporti), allo scopo di realizzare in merito cambiamenti migliorativi/innovativi
  • collaborazioni con l’Amministrazione Comunale per partecipare a bandi e realizzare progetti specifici
  • informazione diffusa e accessibile, per contribuire alla sensibilizzazione e responsabilizzazione della popolazione, utilizzando vari strumenti (incontri, conferenze, volantinaggio, giornalino di quartiere, sito web)
  • iniziative di aggregazione/socializzazione, attraverso l’organizzazione e la gestione sul territorio di eventi (sportivi, culturali, ludici ecc.) per favorire l’incontro tra cittadini, migliorare le relazioni sociali e utilizzare gli spazi comuni
  • interventi operativi di monitoraggio e mantenimento delle aree verdi comuni, di riqualificazione ambientale e di tutela del patrimonio architettonico/edilizio
  • pratiche di care e di solidarietà sociale a favore delle persone più fragili, in particolare anziani e persone con disabilità, per contrastare solitudine ed esclusione sociale, per mantenere uno stile di vita attiva
  • l’utilizzo della sede, a disposizione di tutti gli abitanti del quartiere come punto di raccolta di segnalazioni e suggerimenti, come spazio di lettura e di svago, come luogo in cui si possono implementare servizi/interventi di mediazione interculturale, nonché di conciliazione e di facilitazione della comunicazione.